Safe Network azienda certificata ISO27001:2005



L'Istituto Comprensivo di Portovenere entra a far parte della squadra di WebControl:
il filtro "WebWatch" in aula informatica

Giancarlo Beretta, direttore del Comprensivo Scolastico del Comune di Porto Venere"Quando si tratta giornalmente con così tanti bambini e ragazzi, l'esigenza di tutelarli e proteggerli si sente in maniera ancora più rilevante".

Giancarlo Beretta, direttore del Comprensivo Scolastico del Comune di Porto Venere, che comprende più di 550 studenti tra scuole materne, elementari e medie ha aderito con entusiasmo il nostro progetto "WebControl - Uniti contro la pedofilia online"

Il suo impegno merita un plauso. Durante la giornata del 18.10.2010 infatti, presso il Convento degli Olivetani di Porto Venere (SP) alla presentazione del programma educativo per l’anno scolastico 2010/2011 ha ritenuto importante Illustrare quale complemento delle attività scolastiche l'utilizzo nell'aula informatica della scuola di ‘WebWatch’, il potente filtro che protegge la navigazione dei ragazzi proteggendoli dalle insidie della rete.

"Ma se ti chiedo...." Un aiuto per i genitori

Ad illustrare l'impegno dell'Istituto Comprensivo di Portovenere, è intervenuto Giorgio Sgarra, CEO della Safe Network.

I numerosi genitori e i docenti presenti hanno apprezzato questa singolare iniziativa ritenendola molto utile dato che internet è uno strumento didattico sempre più utilizzato dai ragazzi.

WebWatch: le camerette antipedofili

 


E’ interessante notare come un sempre maggior numero di scuole si stia sensibilizzando ad un corretto uso della rete inserendo programmi specifici, come in questo caso citato, all’interno delle attività didattiche svolte.

Quello di Porto Venere rappresenta un esempio concreto di come la rete Internet debba essere utilizzata per la sua sola parte positiva. Nel corso di questo evento è stato illustrato anche il depliant "Ma se ti chiedo...." creato appostitamente per dare un aiuto alle famiglie, illustrando i pericoli nei quali potrebbero incorrere i ragazzi.

Gli operatori scolastici sono in prima linea per informare gli studenti dei pericoli della rete. La prevenzione più efficace inizia dall’infanzia; non c’è luogo migliore della scuola per fare questo.
Questa iniziativa è stata accolta con entusiasmo dai presenti all’incontro, che hanno partecipato attivamente con domande, dimostrando grande interesse.

Scarica il depliant "Ma se ti chiedo...."